L’horror è una delle categorie più importanti sul mercato dei libri. Per capire quanto, ho fatto un breve test con KDSpy: in Italia, la keyword “horror” ha una media di ricavo mensile, solo per gli ebook, di oltre 4500€ e il più venduto arriva a fare 48.000€ al mese con quasi 5000 copie vendute.

All’estero la situazione non cambia, e i libri horror restano una nicchia estremamente profittevole – e non ancora satura!

Storie horror… e brevi!

Alessandro Zamboni ha analizzato il trend del settore dell’horror, riscontrando che è in fase di crescita costante, trovando opportunità in particolare sulle storie brevi in tema horror: la causa è il brivido che questi testi possono creare al lettore, la sensazione di suspance e tensione che si crea e di risolve in breve tempo spinge gli appassionati del genere con poco tempo libero a preferire questi testi più corti.

Inoltre, ovviamente, scrivere una storia breve da meno di 5000 parole è molto meno oneroso di un romanzo da 150 mila parole e oltre. E ciò che è emerso è che la differenza di prezzo è praticamente nulla: potrai vendere il tuo testo da 5000 parole allo stesso prezzo di un romanzo!

Alessandro Zamboni ha infine messo insieme, oltre a questo report, un vero e proprio manuale di istruzioni per sfruttare e ricavare una rendita dalle storie brevi horror.

Il suo libro è in vendita a 17$ (circa 14€) e permette a chiunque di scrivere una gran quantità di storie horror brevi ma efficaci, in grado di indurre il cliente a fare acquisti ripetuti.

Alessandro analizza la struttura delle storie brevi horror di maggiore successo e fornisce uno scheletro da seguire nello sviluppo, oltre a moltissime idee per ambientazioni e personaggi.

Clicca qui per accedere a Horror Short Stories, il libro che ti insegnerà a scrivere – e vendere – storie brevi horror.

Accedi subito a Horror Short Stories

Vuoi saperne di più?
Lasciami la tua email. Ti scriverò i segreti su come monetizzare con il Self Publishing.

Non basta pubblicare, e se vuoi fare soldi non hai alternative.
I tuoi dati saranno utilizzati per comunicazioni informative e commerciali. Nessun dato sarà condiviso con terze parti.